Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Un randagio sulla Senna’ Category

Provaci ancora, Sam. Prova a mandare una notizia a un sito, un quotidiano, un periodico. E quando la risposta è “no, grazie”, mettila sul blog. Notizie troppo carine da non meritare l’oblio ma non abbastanza da essere pubblicate. Sono  loro le protagoniste di Raccoltadifferenziata.wordpress.com, il blog di Greta Sclaunich, praticante giornalista della scuola di giornalismo “Walter Tobagi”. Sapevate ad esempio che esiste un programma per scoprire se un partner geloso cerca di controllare il vostro iPhone? Forse no, questo è uno scarto, una di quelle notizie che Greta ha scovato in rete ma che nessun sito o quotidiano ha “preso”. Così Greta ha deciso di  “piazzarla” sul suo blog. Solo testo senza foto. News brevi, molte dall’estero. Una raccolta differenziata di curiosità che fanno venire voglia dire: peccato che qualcuno non le abbia trasformate in un fogliettone.

Valeria Spotorno

Annunci

Read Full Post »

Destinazione Marais: tempio del vintage parigino, dove trovare abiti a basso costo, ma non solo. Come arrivarci? Metropolitana Sanit-Paul, linea gialla, numero 1. Attraversare rue Rivoli ed entrare in rue Malher,dove si trova la scuola ebraica, poi  girare a sinistra in rue des Francs-Bougeois. Vi troverete nel cuore del Marais, tra negozietti. Basta perdersi alla caccia del Palais du The o di Mariage Frères, tempi del the a marchio francese. Nella zona ci sono inoltre  piccoli ristoranti dove mangiare il falafel, come in rue de Rosiers  e librerie ebraiche. L’ora ideale è le 12 di sabato, quando le vie si riempiono per il brunch.

Read Full Post »

Gang dei  “ladri con gli sms”, così viene chiamata in Francia. Una banda di tre persone specializzata nel svaligiare banche e negozi. La loro peculiarità: gestire il colpo per sms. Primo passo: entrato in banca con il volto coperto uno dei tre minaccia con la pistola clienti e impiegati. A questo punto invia un sms agli altri due complici che entrano nella banca e portano a termine la rapina. L’ultimo colpo, in una banca di Ruein- Malmaison, nella regione dell’Hauts-de-Seine,  il trio si è portato via un bottino di 20.000 euro.

Read Full Post »

Vittoria senza appello per tre donne della sinistra francese. Anche al secondo turno. Con il 54% dei voti, socialisti verdi e comunisti si sono imposti come la prima coalizione  di Francia. Alla testa di questi partiti, tre donne che ora marciano dritte verso le presidenziali del 2012. Martine Aubry, la prima delle tre corone della sinistra d’oltralpe. France-Soir la dà come il punto di riferimento dell’opposizione e un candidato “ben piazzato” per la corsa all’Eliseo. Al suo fianco, Cecile Duflot, leader del partito ecologista e la bionda Marie-George Buffet, alla testa del parito comunista. Hanno salutato i risultati del secondo turno delle regionali come la vittoria dei francesi che “hanno scelto la sinistra che protegge le condizioni di vita nelle regioni”. Come dire che l’Ump, il partito del presidente Sarkozy, non l’ha saputo fare. Di fronte al 36% raggiunto dall’Ump, i francesi sembrano non credere più nel mito dell’efficienza sarkoziana.  Lo avevano votato “perché uomo concreto, risoluto, che parla chiaro”, come racconta un giovane funzionario parigino.  Ora lui, Nicolas Sarkozy, per recuperare consenso prova con il rimpasto di governo. Ma la fiducia nel suo operato è in caduta libera.

Read Full Post »

Alle 20.00 è già tardi. E non perché in Francia si ceni presto. Perché anche alle 19.00 la coda davanti a Chartier è chilometrica. Un vecchio ufficio postale in pieno centro (nell’ottavo arrondissement) è stato trasformato in un elegante ristorante. Uno dei più frequentati dai parigini. Il menù è dei più tradizionali: escargot in salsa verde, foie gras, carne o pesce, zuppa e poi il vino della casa e i dolci tipici. I camerieri, con grembiule bianco che va dalla vita ai piedi, segnano le ordinazioni sulle tovagliette di carta bianca che coprono i tavoli. Affollatissimo, i cappotti si appoggiano sulle antiche cappelliere in un’atmosfera suggestiva.

Read Full Post »

Vivere in un container a 300 euro al mese. Non è una soluzione campale al limite del possibile, ma l’idea da cui è nato un campus universitario vero e proprio a Le Havre, nel nord ovest della Francia. In tutto, 101 appartamenti da 25 metri quadri l’uno dotati di finestre, bagno, angolo cottura, angolo notte, scrivania e parquet. Si tratta di alloggi modulari già utilizzati in Olanda e Svizzera. Questa è la prima volta della Francia che ha investito in questo progetto 4,8 milioni di euro. I container sono colorati e per entrare nell’edificio bisogna passare davanti a un guardiano che sorveglia l’andirivieni.

Read Full Post »

Favoriscono l’aggressività e la violenza. Non è positivo il giudizio sulle nuove carceri emesso da Jean-Marie Delarue nel 12esimo rapporto annuale sullo stato delle prigioni francesi. Il così detto “controllore delle carceri” ha inviato 3 equipes di esperti nelle prigioni aperte nel 2009 e il giudizio è stato netto: tutta l’attenzione è posta sulla sicurezza a discapito delle relazioni umane. “C’è sempre maggiore frustazione e questo genera un’escaletion di violenze. Tra le soluzione proposte: aumentare la capacità delle future carceri. Ma il ministro della giustizia Michèle Alliot-Marie ha fatto sapere che saranno 700 i posti creati da futuri edifici. E non 1000 come prospettato in un primo momento. Entro il 2017 verranno aperti 18 carceri, di cui 15 entro il 2015.

Read Full Post »

Older Posts »