Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Paris-Economy’ Category

Un piccolo paese nel sud della Francia avvelenato dalla Cia. La cittadina si chiama Point Saint-Esprit, 9200 abitanti poco distante dall’Italia. La Cia lo avrebbe scelto per condurre alcuni esperimenti sul controllo della mente. Gli agenti americani avrebbero mescolato Lsd alla farina con cui vengono prodotte le baguettes. Era il 1951 e il risultato di questo esperimento fu catacostrofico: centinaia di abitanti di Point Sanit-Esprit furono colpiti da un’improvvisa ondata di follia. Comportamenti bizzari divennero all’ordine del giorno, un ragazzo di 11 anni tentò di strozzare la nonna, cinque persone si suicidarono. Molti, tra i sopravvisuti, finiro in ospedale psichiatrico.

Annunci

Read Full Post »

Non è il primo errore della Sncf, società ferroviaria francese. Martedì 16 marzo aveva annunciato che un’esplosione a bordo di un Tgv aveva causato la morte di un centinaio di viaggiatori. Notizia falsa subito smentita. Oggi, il quotidiano francese Le canard enchainé rivela che i dati personali dei clienti Sncf sono accessibili a tutti a partire dal sito della compagnia. Basta il numero della carta di un abbonato alla Sncf e in pochi clic si scopre nome, cognome, telefono, indirizzo e data di nascita dell’abbonato cui è stata sottratta la carta fedeltà. Tutto, si scopre. Tranne, per ora, le coordinate bancarie.

Read Full Post »

Conti socialisti

Sarà il socialista Didier Migaud, ex presidente della Commissione finanza dell’Assemblea nazionale, a guidare la Corte dei conti francese. La decisione è stata presa oggi durante il consiglio dei ministri. La nomina di Miguad, uno dei simboli dell’opposizione al governo di Nicolas Sarkozy dal 2007, vuole essere un segno di apertura nei confronti della sinistra. Una tappa di quella “uoverture” (apertura) promessa dal presidente Nicolas Sarkozy al momento delle elezioni presidenziali. Al posto di Migaud, alla commissione finanza dell’Assemblea nazionale dovrebbe andare Jerome Cahuzac, anch’egli socialista.

Read Full Post »

Occorrono stati generali. Ecco l’annuncio del ministro dell’educazione francese, Luc Chatel, per far fronte all’emergenza sicurezza. Quella dei professori, sempre più spesso aggrediti dagli studenti. In preda a crisi di nervi. In cura presso centri di recupero studiati ad-hoc per insegnanti esauriti. Convocati per inizio aprile in rue Grenelle, dove ha sede il ministero dell’educazione, gli stati generali di Luc Chatel chiameranno a raccolta i rappresentati delle collettività locali, l’Osservatorio della delinquenza, L’Osservatorio della violenza scolastica e alcuni sociologi.

Read Full Post »

Scuola per casalinghi

“Tecnica della pulizia dei vetri e dei pavimenti”, “Spolverare alla perfezione”, “Il frullatore questo sconosciuto”. Sono le lezioni del primo corso per casalinghi iniziato sabato 23 marzo a Parigi.
Un tentativo per ridistribuire i ruoli all’interno della coppia perché, in Francia, l’80% dei lavori domestici è  svolto dalle donne.

Anche se “il meglio per la pace della coppia è aver fiducia nella donna delle pulizie”, così insegna Francois, 30 anni. Eppure,  una decina di uomini, trentenni e pensionati, hanno partecipato alla prima lezione. Titolo dell’incontro:  “Come stirarsi la camicia”.

Read Full Post »

Poker per Haiti

Aiutare Haiti a poker. Succede in Francia, dove la legge viete le scommesse via web. Eppure nella prassi centinaia di migliaia di fracesi ogni giorno tentano la fortuna  via web e puntano i loro soldi. Così Full Tilt e Pokestars, due siti di scommesse on line, hanno avuto l’idea di organizzare “poker umanitari”.

Full Tilt ha dato vita a tornei “Help for Haiti” e dichiara che invierà  il denaro alla Croce Rossa, all’ Unicef e a Medici senza frontiere. Pokestars, l’altro sito engagé (impegnato) ha dato vita a un torneo fittizio il cui unico scopo è raccogliere fondi.

Read Full Post »

Frammenti di Parigi messi all’asta. Non si era mia visto un bottino così. In vendita, 40 gradini della Tour Eiffel, che fino al 1983 facevano parte dalla torre più famosa d’Europa. Ad aggiudicarsi la rampa, battuta dalla casa d’asta più antica del mondo, l’Hotel Drouot, con sede a Parigi, è stato un fabbro di Troyes che si è portato a casa gli scalini per 85.000 euro.
Non si disperino gli amanti dell’archeologia urbana. Sono ancora in vendita un tassello della Piramide del Louvre, il tassametro di un vecchio taxi, alcuni sedili della metropolitana e un’edicola di giornali costruita in originale stile Belle Epoque.  Ma non solo.  In tutto sono 301 i pezzi offerti dall’Hotel Drouot.
E non è un caso che quest’asta sui generis abbia luogo a Parigi. E’ stata proprio la capitale francese la prima città europea a far rivivere la figura del ”battitore”. Esistente in epoca romana, scomparve alla caduta dell’Impero. Bisognerà aspettare il 1254 perché la tradizione del martelletto e della paletta tornasse a rivivere. In terra francese.


Read Full Post »

Older Posts »